La morte di Tina Lagostena Bassi

Posted on 5 marzo 2008

2


Proprio ieri, ho inaugurato il blog del Corso di Perfezionamento del Centro Interdipartimentale di Studi sulla Cultura di Genere “postando” le sequenze del documentario “Processo per stupro” (1979), primo processo a porte aperte della storia italiana per questo reato.

Oggi leggo della morte di quell’avvocato che

difende una donna ma accusa un modo di parlare all’interno del tribunale: quel lessico osceno, allusivo che dietro i termini latini (fellatio) contrabbanda la violenza come omaggio alla sessualità femminile se non addirittura come delega del potere sessuale  dall’uomo (che abbandona il suo membro nelle fauci avide dell’altra) alla donna possibile castratrice che se non castra, non lotta con le unghie e con i denti, non imita le sante marie goretti della storia è sempre, per antonomasia, la preda conquistata e felice.

Mi piacerebbe che, fuori e dentro la rete, si parlasse un po’ più di questo suo impegno piuttosto che esaltare le sue apparizioni a Forum…

Messo il tag: