L’obiezione di coscienza pugliese

Posted on 18 ottobre, 2008

0


La promessa di Vendola e Emiliano

Bari e la Puglia faranno “obiezioni di coscienza” contro la riforma Gelmini che prevede la soppressione degli istituti meno frequentati e ingenti tagli al corpo docente.

Il presidente della Regione, Nichi Vendola e il sindaco di Bari, Michele Emiliano, hanno annunciato ad una platea gremita di oltre mille docenti che: “A Bari in tutta la regione nessuna scuola sarà mai chiusa”…

Il governatore Vendola, ha confermato ai docenti che la Regione Puglia impugnerà il decreto legge 154, che ridimensiona la rete scolastica regionale, dinanzi alla Corte Costituzionale in quanto lesivo delle prerogative delle Regioni.

Mentre in tarda mattinata la conferenza dei capigruppo del Comune di Bari hanno confermato l’impegno assunto formalmente all’inizio della settimana: Il prossimo 23 ottobre si terrà una seduta straordinaria del Consiglio comunale sui temi della scuola pubblica statale.

Qualche altra lettura…

Scuola, appello della Regione “Fermiamo il massacro”

I ricercatori in rivolta per i tagli: “L’Ateneo deve sostenerci di più”
Ricercatori, dottorandi e collettivi degli studenti e dei lavoratori precari dell´ateneo, si aspettavano una presa di posizione più decisa da parte dell´università di Bari

“Il documento uscito dalla seduta congiunta degli organi universitari è vago e poco incisivo”. Ricercatori, dottorandi e collettivi degli studenti e dei lavoratori precari dell´ateneo, si aspettavano una presa di posizione più decisa da parte dell´università di Bari. Chiedevano un´opposizione netta e forme di protesta eclatanti contro la riforma Gelmini. Invece Senato accademico e Consiglio d´amministrazione hanno preferito sposare la linea più moderata della Crui. La conferenza dei rettori, che ha in Corrado Petrocelli un membro della giunta, è per il dialogo con il ministero dell´Università.

Documento Senato Accademico del 13/10/2008

Annunci