Prove tecniche di apprendimento significativo

Posted on 9 aprile, 2009

19


Dopo aver tanto (studiato e) scritto nell’ultimo mese di dispositivi pedagogici e utilizzo significativo delle tecnologie (vecchie e nuove) mi sono capitate tra capo e collo due giornate di formazione sull’e-learning in un master in Organizzazione e gestione delle Risorse Umane per il Knowledge Management, in cui ero già intervenuta in un incontro di “familiarizzazione” con la CMC.

share

Immagine: OmarCaf

Dover inchiodare i ragazzi 8 ore di seguito per due giornate consecutive a parlare di qualcosa che è lontano anni luce dalla loro esperienza è una prospettiva complicata per chi si propone sempre di lasciare i propri interlocutori un po’ più ricchi di come li ha trovati. Non è detto che ci si riesca (esiste sempre quella irriducibile libertà dell’educando con cui confrontarsi…) ma comunque ci si prova.

Vi butto giù, a grandi linee, l’organizzazione del tutto, più o meno come l’ho pensata e realizzata.

Definizione dei contenuti: data la genericità e l’ampiezza del tema, ho deciso di prendere le mosse dal concetto di apprendimento, per introdurre e sviluppare l’argomento tecnologie attraverso l’utilizzo delle stesse. Mi ero per questo precedentemente informata sul fatto che avessero appena terminato il modulo della formazione e quindi il terreno cognitivo 😉 era già “smosso”.

Strumenti (tecnologici e non): lavagna con pennarelli, un PC a studente, video proiettore.

Applicativi e risorse online: GoogleDocuments, Google Reader, Google Books, Anobii, piattaforma Blogger, Delicious, Youtube, Last.fm.

Approccio didattico: learning by doing.

Attività: condivisione della presentazione online e sua modifica in base ai risultati del brainstorming nonché delle discussioni e rielaborazioni collettive di quanto fatto o di letture proposte; creazione del proprio PLE, secondo le esigenze personali; utilizzo del blog come strumento per documentare il proprio lavoro; creazione della sito-bibliografia individuale attraverso Delicious, Anobii e Googlebooks.

Credo di non essermi dimenticata niente… Comunque potete sempre dare un’occhiata e dirmi che ne pensate 🙂

Annunci