Il Vangelo che abbiamo ricevuto

Posted on 12 aprile, 2009

1


Segnalo qui, l’invito ai cristiani per un incontro comune in data 16 maggio 2009 a Firenze, che potete trovare anche a pag.2 dell’ultimo numero del giornale [pdf] della Comunità di San Marcello.

Per saperne di più e capire da chi parte questa iniziativa, potete consultare il blog Chicco di senape e quello di Lettera alla Chiesa Fiorentina.

Ovviamente, il fatto che l’iniziativa provenga da Firenze, venga rilanciata da Torino e Bari “faccia sponda” (ma non è che ci fermiamo qui, vero? 😉 ), ha per me un valore particolare grazie a tutti gli amici “digitali” che ho in queste città.

Buona Pasqua!

Maria Grazia

mandorlo

Il motivo ultimo che ci spinge a quest’invito è la convinzione che il concilio Vaticano II sia stato e sia ancora una grande grazia, la grazia maggiore donata alla chiesa del nostro tempo, perché essa riscopra la forza del Vangelo nella storia vissuta. Ma con molti che nella chiesa cattolica oggi stentano ad avere voce avvertiamo la sofferenza di non vedere al centro della comune attenzione proprio il Vangelo del Regno annunciato da Gesù ai poveri, ai peccatori, a quanti giacciono sotto il dominio del male, mentre cresce a dismisura la predicazione della Legge.

Il Signore ci ha chiamati a edificare non una chiesa che condanna, ma una chiesa che manifesti la misericordia del Padre, viva nella libertà dello Spirito, sappia soffrire e gioire con ogni donna e con ogni uomo che le è dato di incontrare. Il nostro invito non è volto pertanto alla creazione di un movimento o alla contestazione o chissà che altro, come una chiesa alternativa, ma nasce dal desiderio che la libertà dei figli di Dio, il confronto sine ira, la comunione e lo scambio non si spengano.

Per questo motivo quanti condividono questa sofferenza, ma al tempo stesso la speranza del Regno e la volontà di una chiesa umile, vicina agli uomini e tesa a scrutare i segni dei tempi, sono invitati a un incontro per confermarci a vicenda nella fede…

Annunci
Messo il tag:
Posted in: e se invece...