Letizia o Maria Stella, per me pari sono. Però…

Posted on 5 agosto, 2009

0


non basta bruciare. bisogna ricostruire. e per ricostruire ci vuole un progetto. non un’utopia. non la megariforma di berlingueriana memoria costata decenni di convegni, e tavole rotonde e mediazioni politiche (e soldi per pagare i cervelloni ai convegni, alle tavole rotonde, alle trattative mediatorie). ma una lista della spesa. minimale. minimalista. una partita doppia: nella colonna di sinistra le cose che non vanno, nella colonna di destra le proposte per migliorarle.

ecco: questo vorrei talvolta dai miei tribuni. ecco: questo vorrei talvolta dai miei sinistri colleghi. piantiamola per un attimo di essere autoreferenziali e proviamo a guardare la scuola con occhi da studenti, genitori, cittadini.

siamo sicuri che al di là delle idiozie morattiane la scuola sia bella e buona e di sinistra?

io no.

cominciamo allora anche noi sottolineare con la penna rossa gli errori della scuola pubblica.

e con la biro nera, scriviamo proposte concrete per farla funzionare.

perché una scuola di sinistra è semplicemente una scuola che funziona.

Mario Agati

Annunci