E io che gli rispondo? Dubbi di un insegnante nel “ciclone della riforma”

Posted on 18 settembre, 2009

0


Sa poi qual è il problema? Che i giornali scrivono cose, che i giornalisti sono convinti di sapere cose. Cose che nessuno ha mai messo nero su bianco a noi, eppure loro le sanno già. Per esempio l’altro giorno il Corriere scriveva che dal prossimo libro della II classeanno non sarebbe più bastata la media del sei per essere promossi. Dieci righe sotto dicevano che educazione fisica e condotta avrebbero fatto media. A quel punto io che sono del settore mi domando: quale media? Se la media non c’è più, cosa mi stai dicendo esattamente, giornalista? La stessa cosa che si sapeva all’inizio dell’anno scorso, e che poi è stata smentita da una circolare all’ultimo momento?A proposito, quali circolari mi stai citando? Perché io fino a dicembre mi rifiuto di leggerne, anzi aspetto che ne arrivi una a marzo che contraddica quella di febbraio, mi risparmio un bel po’ di fatica e di fegato. Ma la cosa tremenda è che invece il genitore ci crede, a quello che scrivi, e poi viene da me a farmi delle domande strutturate così: ma è vero che non c’è più la media del sei però condotta fa media? E io che gli rispondo?

C’è chi mi dice: racconta la verità. La verità non è di sinistra né di destra. Come no, certo. Quindi, cari padri e madri, è inutile che mi chiediate che novità rappresenta il “potenziamento dell’italiano” da un punto di vista didattico, perché dietro non c’è nessuna innovativa idea didattica, ma una semplice trovata per tagliare una cattedra di italiano su quattro alle scuole medie. Insomma mi hanno tolto un’ora di italiano e l’hanno dato a un altro prof di italiano che ha perso la cattedra, capito? Senza dargli nessuna programmazione, non è nemmeno chiaro se debba fare per forza italiano o altre cose (Storia, geografica, civica). Non si sa nemmeno se valuterà o no i vs figli perché non si sono ancora posti il problema al Minis… ops.

tratto da Considerazioni di un impolitico di Leonardo (scoperto via Mamma!)

PS: consiglio vivamente la lettura dell’intero post 🙂

Immagine: sempre tratta dal post di Leonardo

Annunci