Appunti senza pensare

Posted on 16 marzo, 2010

0


Sto seguendo il corso di formazione proposto dall’Angsa Puglia sull’Analisi del comportamento applicata all’autismo, a cui ho sommariamente accennato in questo post.

I motivi per cui lo faccio sono vari e molteplici ma, indubbiamente, approfondire l’argomento tramite il confronto diretto con docenti e professionisti del settore è tra i primi posti.

Non è facile per me che proprio comportamentista non sono, un po’ per formazione, un po’ per inclinazione naturale… Del resto, io sono una docente/formatrice e non una terapista e questo dovrebbe tenermi fuori da certe dispute. Ma non è mai detto 🙂

In realtà, ciò di cui mi piacerebbe si parlasse (non necessariamente in questa sede) è, in primo luogo, la preparazione dei “professionisti della cura” dal punto di vista dell’approccio con i genitori che, unico elemento certo e condiviso, sono i mediatori privilegiati del rapporto tra il/la bambino/a e il mondo circostante.

Come del resto osservato in un non troppo lontano seminario a Firenze con il prof. De Bernard :-), la cura degli altri implica anche quella di una relazione umana troppo spesso deficitaria. Molto ci sarebbe da dire sulla maniera in cui sono stati e vengono ancora trattati genitori di bambini autistici e non. Molto quindi ci sarebbe da dire anche sulla formazione, in tal senso, degli “operatori della cura” (credo che l’appellativo di Angelo Franza, in questo contesto, renda particolarmente l’idea di ciò che voglio dire).

Poi c’è la formazione di docenti ed educatori che lavorano nelle scuole… Chi se ne cura?

(fine prima parte – scappo al corso ;-))

Update:

Giornata massacrante. Ho bisogno di metabolizzare. Veramente intrigante la figura di Cesarina Xaiz. Preziosi i video con dimostrazioni pratiche di ciò che si andava dicendo. Venerdì mi arriva il libro sul gioco finalizzato a sviluppare l’interazione sociale.

Domani attendo Flavia Caretto (di cui avevo già scritto prima di conoscerla) e i “comportamenti problema”, da cui mi aspetto molto dato che le premesse di questi giorni sembrano promettere bene… Au revoir.

Update dell’update:

ora è finito veramente. Conoscenze interessanti. Caretto veramente travolgente 🙂 Può piacere o non piacere ma nessuno può dire che non sappia il fatto suo. Ora però devo metabolizzare sul serio…

Annunci