Una lampadina blu in casa…

Posted on 2 aprile, 2013

0


C’è chi, in casa, una lampadina blu ce l’ha accesa sempre. Non solo oggi, che è 2 aprile, giornata dedicata alla sensibilizzazione e all’informazione circa la condizione delle persone autistiche e, indirettamente, delle loro famiglie.
Sembra che i genitori con figli autistici, soprattutto se benestanti e “alternativi”, siano le vere star del momento… Sarà per questo che non ho voglia di scrivere oggi: non vorrei entrare nel novero delle celebrità, mio malgrado.

Sicuramente c’è bisogno di spazi di ascolto e di riconoscimento di una condizione specifica di genitori che è peculiare e può mettere a dura prova: molto di più di ciò che mostriamo e abbiamo il pudore di far vedere.
Mi piacerebbe, allora, chiedere più rispetto per noi, che l’autismo non lo abbiamo studiato a scuola ma lo “impariamo” tutti i giorni sul campo. Più rispetto in primo luogo da parte di quegli operatori sanitari che stanno lì a bacchettarti su ciò che dovresti o non dovresti fare, fregandosene del fatto che la notte non si dorme e che non viviamo in un esperimento perfetto in cui tutte le variabili sono sotto controllo.

Mi piacerebbe anche non dover ascoltare le solite leggende metropolitane sull’autismo da quei docenti – specializzati e non – che dovrebbero essere aggiornati sull’argomento per dovere professionale: non ci costringete a combattere battaglie che ci potremmo risparmiare.
E potremmo continuare così con numerose altre categorie ma… cui prodest? Noi genitori siamo più invisibili dei nostri figli.
Posto ciò, vi lascio con una citazione di un papà famoso già prima di suo figlio😉 e con un video molto particolare (in inglese ma le scritte aiutano…).

Il mondo è pieno di gente grigia e pesante come pietre, i nostri strampalati figli parlano poco, ma almeno emanano pensieri di una leggerezza tale da far volare persino noi.

Gianluca Nicoletti