Robotica creativa ed educazione di genere

Posted on 5 febbraio, 2017

0


Premessa: se non conoscete il significato di educazione di genere, astenetevi da leggere il seguito.

Le mie collaboratrici nel laboratorio di Robotica Creativa ispirato al testo di Elena Parodi sono, come suggerisce l’appellativo, di genere femminile. Tutte, tranne me :;  , hanno una laurea scientifica.

Ieri, ci siamo viste per definire le attività previste per la terza lezione del primo ciclo (che ne prevede quattro) del laboratorio in questione. Abbiamo ripassato i circuiti elettrici. Qualcuna li ha scoperti per la prima volta, nonostante sia un anno più piccola.

Cosa c’entra, direte voi? Io ho frequentato l’allora scuola media, all’esordio dell’Educazione Tecnica senza distinzioni di genere. Fino ad allora, per chi si ricorda, i maschi studiavano circuiti e cicli di produzione e le femmine cucito e maglia.

Io fui entusiasta della novità e portai all’esame finale proprio un circuito elettrico. La collega più piccola di me ha avuto la s…fortuna di incontrare una insegnante tradizionalista che le ha fatte lavorare a maglia. Così per dire ai magnifici 600 che sognano De Amicis come libro di testo per la primaria.

Per fortuna che ha recuperato il gap in una mattinata 😉

Annunci
Messo il tag: