Browsing All Posts filed under »a ruota libera«

Il lato umano dei social

dicembre 10, 2017

1

Si parla molto del lato dis-umano dei social in questo periodo, dimenticando che i social siamo noi. E’ sicuramente auspicabile e necessario usare la comunicazione online in maniera consapevole, essendo almeno in grado di scegliere quale livello di privacy definire per ciò che condividiamo. Questa scelta è uno dei fondamenti della comunità “di quelli che […]

γνῶθι σεαυτόν – (UP⇑)&(DOWN⇓)

dicembre 9, 2017

0

Mettiamola così. Ho avuto una serie significativa (!) di giorni duri, uno dopo l’altro, a 360°. Su tutti i fronti. Di solito funziona che – a caldo – viaggio come un treno, controllo la situazione e vado in (UP⇑) e poi, quando l’emergenza finisce, vado in (DOWN⇓), non fosse altro per fare il conto dei […]

Poesia

luglio 27, 2017

0

Perle ai porci (hai frainteso una volta) ma anche i porci hanno bisogno di perle, come le perle di nascondersi nel fango.

Tracce

giugno 16, 2017

0

“La conoscenza di tutti i fatti umani del passato ha come sua prima caratteristica quella di essere una conoscenza per via di tracce” (M. Bloch) Invisibili svelate oblique nascoste tremanti segnano perimetri, rivelandoti e seppellendoti nel tempo e col tempo.

Sangue e terra

aprile 18, 2017

0

Riprendere il respiro. Inspirare profondamente l’odore di sangue e terra di un corpo che si schiaccia al suolo in cerca di conforto. Ascoltare quel richiamo lontano di linfa vitale, solare, fiera che non scompare mai, anche quando sembra di non sentirlo più.

“Lei non sa cos’è la Rete!”

aprile 8, 2017

1

Le questioni, gettate sul piatto da Stefano Epifani nell’articolo linkato di seguito, sono tali e tante da aver bisogno di essere distillate… Creative Commons, rete come possibilità di una sana deurbanizzazione, multicanalità, qualità dei nodi nelle reti sociali… Ci si potrebbero scrivere trattati. Il dramma è che eravamo molto più avanti nella discussione su queste cose […]

Sullo sciopero della cura

marzo 8, 2017

0

Non si può ignorare che questo 8 marzo abbia un’eco internazionale diversa dalle solite e, forse, meriterebbe almeno qualche minuto di riflessione in un mondo in cui i tagli allo stato sociale, la disoccupazione, la retrocessione dei diritti sono destinati ad abbattersi sempre più – ancora una volta – sulle spalle delle donne. Perché il […]