Browsing All Posts filed under »messaggi nella bottiglia«

Sul binomio figli autistici-madri depresse (per tacer della guarigione)

novembre 13, 2018

0

Mi è stata segnalata una sintesi di un’intervista a Michele Zappella, esimio neuropsichiatra infantile, notissimo nel mondo dell’autismo. L’ho conosciuto anche io circa 15 anni fa ed era sicuramente un medico da un approccio “umano” con genitori e bambini. Posto ciò, da allora, l’ho seguito a distanza registrando però una posizione sempre più spinta verso […]

Care colleghe, gli alunni non sono belve da domare…

novembre 4, 2018

2

Sono inciampata in questo articolo, in cui una collega alle prime armi, chiede aiuto sconvolta a quest’altra collega in pensione che scopro essere una scrittrice sotto pseudonimo (Isabella Milani), che scrive libri sull’arte di insegnare. Infatti conclude la sua risposta con un generoso Metticela tutta, Marilena, non ti arrendere e non ti sentire in colpa. […]

L’incudine

giugno 1, 2017

0

Talvolta ci si sofferma più del necessario nella terra di mezzo dell’indecisione, dell’incompiuto, dei mondi paralleli e possibili… Una terra che ci priva di certezze – quelle poche rimaste nella bisaccia alleggerita sulla strada polverosa dell’esistenza – ma ci irretisce nelle maglie del possibile nuovo di zecca. Ma quanto è il tempo necessario a decidere […]

Quando è notte

maggio 30, 2017

0

Quando è notte dalle segrete e da nascosti interstizi scende, sinuoso, un messaggio un’immagine primaria e furtiva un pensiero nonostante. Quando è notte il cielo detta ordini cosmici inconcludenti e la luna sa essere acquiescente abat-jour per innamorati, criminali e battone. Allora lascio spaziare l’arco compassato del mio cuore che è di carne ed è […]

Non ricordo (in memoria e nello stile di J. L. Borges)

maggio 24, 2017

0

A Creta fui il toro o il labirinto. Non ricordo. La Fenicia mi fece dono del cedro carnoso, del sole adulto e del verde profumo del mare. A Roma fui schiavo, poi servo, indi padrone. Amai molte matrone nelle albe algide. Più tardi in Illiria venni assalito da incombenti e fatali presagi. Avvertii il momento […]

La normalizzazione dell’abnorme (ovvero del tentativo di essere brave)

maggio 9, 2017

0

Trappola 7: finzione, tentativo di essere brave, normalizzazione dell’abnorme La bambina viene dunque castigata perché si è messa le scarpette rosse per andare in chiesa. […] Lo sforzo di fare la brava, di starsene tranquilla e di essere compiacente di fronte al pericolo interiore o esterno o al fine di nascondere una situazione critica, psichica […]

Sangue e terra

aprile 18, 2017

0

Riprendere il respiro. Inspirare profondamente l’odore di sangue e terra di un corpo che si schiaccia al suolo in cerca di conforto. Ascoltare quel richiamo lontano di linfa vitale, solare, fiera che non scompare mai, anche quando sembra di non sentirlo più.